Report di Sostenibilità SALOV 2022: Investimenti in ricerca, digitalizzazione e pianificazione alla base del miglioramento continuo

19 Ottobre 2023  - Corporate

Report di Sostenibilità SALOV 2022: Investimenti in ricerca, digitalizzazione e pianificazione alla base del miglioramento continuo

Costanti investimenti in ricerca, sviluppo e in ambito ESG con più di 19 progetti attivi, trasformazione digitale con circa 5 milioni di euro l’anno investiti in nuove tecnologie e la definizione di un Piano di Sostenibilità che guiderà lo sviluppo e la crescita aziendale nei prossimi anni. Sono questi gli ingredienti alla base delle performance di Salov in termini di business e di sostenibilità malgrado un 2022 sfidante.

19 Ottobre 2023  - Corporate

Report di Sostenibilità SALOV 2022: Investimenti in ricerca, digitalizzazione e pianificazione alla base del miglioramento continuo

Vecchiano (PI), 19 ottobre 2023 – Salov S.p.A., gruppo industriale tra i principali player mondiali del settore oleario, proprietaria dei marchi storici Filippo Berio e Sagra, ha reso disponibile da oggi alla consultazione e al download il Report di Sostenibilità relativo all’anno 2022, asseverato da SGS leader mondiale nei servizi di ispezione e certificazione.

Il report che documenta gli eventi più significativi, i risultati conseguiti e gli obiettivi di Salov in materia di sostenibilità ambientale, sociale ed economica è stato ufficialmente presentato dai vertici dell’Azienda nella cornice di Villa Filippo Berio che, con il suo oliveto dedicato alla ricerca, rappresenta la continuità tra la storia ultracentenaria, il presente e il futuro del Gruppo industriale.

2022 di crescita malgrado le turbolenze

Il 2022 è stato caratterizzato da una concatenazione di criticità. L’annata negativa per la raccolta delle olive nei Paesi del Mediterraneo ha portato ad un’impennata dei costi degli oli di oliva che costituiscono il core business di Salov.  Lo scoppio del conflitto russo-ucraino, inoltre, ha innescato una spirale di ripercussioni su costi dell’energia, logistica, materiali di confezionamento e soprattutto sugli approvvigionamenti di materia prima negli oli di semi, in particolare l’olio di girasole.

Salov ha saputo reagire alla complessità dello scenario con tempestività, compattezza ed efficacia, confermando nel 2022 i volumi di vendita record stabiliti nel biennio precedente e incrementando il fatturato annuo anche a causa dell’inflazione. Le problematiche, comunque, non hanno impattato sugli investimenti negli oltre 19 progetti in corso che coinvolgono tutti gli ambiti: implementazione della qualità e delle proprietà dell’olio, sviluppo industriale e digitale, attenzione ambientale, progresso nei progetti agronomici sostenibili, accrescimento e potenziamento del capitale umano e della relazione con il territorio.

Gruppo Salov in numeri

  • Nel 2022 Salov, presente con i propri marchi e prodotti in 75 Paesi del mondo, ha realizzato vendite di olio per circa 120 milioni di litri generando un fatturato consolidato di 491 milioni di €.
  • Circa 5 milioni di € investiti in nuove istallazioni tecnologiche e 1,5 milioni di € in digitalizzazione nel contesto dei progetti industriali di potenziamento ed efficientamento che l’Azienda sta conducendo nello stabilimento di Massarosa (LU).
  • Quasi metà della spesa (44%) per l’acquisto di materie prime e materiali è rivolta verso fornitori locali.
  • Nel reperimento delle materie prime sono salite a 12 le filiere certificate per la produzione degli oli EVO a marchio Filippo Berio Metodo Berio e Filippo Berio Sustainable Select, la nuova linea lanciata nel 2022 sul mercato USA che replica i pilastri del Metodo Berio, ovverosia agricoltura integrata, tracciabilità totale (dal campo alla bottiglia), rispetto di parametri chimico-fisici più stringenti di quelli di legge e certificazione da parte di un ente terzo (SGS).
  • Nell’acquisto di materiali di confezionamento è proseguito il percorso verso l’adozione sempre più ampia di materiali riciclati: nel 2022, infatti, la quota di materiali da riciclo è stata pari al 46,5%, con oltre l’80% del vetro utilizzato proveniente dalla filiera del riciclo post-consumo. Salov, inoltre, ha privilegiato l’acquisto di PET riciclato (R-PET) al posto del PET vergine. La carta usata per imballaggi ed etichette proviene da fornitori dotati di certificazione FSC.
  • Gli impiegati del gruppo sono saliti a 314 (11 in più rispetto al 2021).

Rispetto al 2021 ci sono stati miglioramenti anche nei vari ambiti Ambientali e Sociali:

  • -3,4% nei consumi energetici grazie anche all’impianto di trigenerazione che, nonostante l’annata difficile, ha consentito a Salov di produrre in autonomia il 41% del proprio fabbisogno energetico annuo.
  • 8,6% nel prelievo idrico totale, che nel 2022 è stato pari a 145 ML.
  • -6,7% nelle emissioni dirette di gas climalteranti (Scope 1).
  • 5,0% nella produzione totale di rifiuti. Nei rifiuti non pericolosi, che rappresentano il 97% del totale, la riduzione è stata del 6,4%.
  • Più che raddoppiate le ore di formazione erogate (2.558 ore vs 1.199 nel 2021).

In totale Salov ha contribuito a 14 su 17 degli SGDs ONU (Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite).

Ricerca e innovazione

Le attività sviluppate in collaborazione con Università ed Enti di Ricerca rappresentano un asset fondamentale e distintivo nella visione strategica della sostenibilità per Salov. I progetti sono di varia natura: industriali, ossia legati al miglioramento dei sistemi produttivi; agronomici, per lo sviluppo di un’olivicoltura sempre meno impattante e sensoriali per il miglioramento della qualità dell’olio e della sua percezione.

I principali progetti di ricerca sviluppati da Salov nel 2021/22 sono stati:

  • Long Life Oil – cofinanziato dalla Regione Toscana, il progetto è finalizzato a individuare soluzioni tecnologiche in grado di prolungare nel tempo le caratteristiche organolettiche dell’olio di oliva.
  • Degommaggio Enzimaticoprogetto riguardante il processo di raffinazione dell’olio di semi e mirato alla sostituzione di alcuni reagenti chimici con enzimi naturali; premiato al Grocery & Consumi Awards nella categoria “Miglior iniziativa sostenibile in ambito produttivo” in occasione di Cibus Connecting 2023.

Per i progetti agronomici va considerato il ruolo chiave svolto da Villa Filippo Berio, vero e proprio laboratorio a cielo aperto nel quale, in collaborazione con il CNR – IBE e altre università sia italiane che estere, sono portati avanti progetti relativi a nuove tecniche di agricoltura di precisione, agricoltura sostenibile, valorizzazione della biodiversità e test su cultivar resistenti al Verticillium, un fungo che colpisce l’olivo.

Villa Filippo Berio ospita anche le attività relative a Life Resilience, progetto europeo finalizzato allo sviluppo di tecniche colturali e genotipi di piante produttive in grado di contrastare il batterio patogeno della Xylella Fastidiosa. Ufficialmente concluso dalla Comunità Europea nell’autunno 2022 con esiti estremamente positivi per tutte le metodiche, “Life Resilience” sta proseguendo con i test in campo dei 18 nuovi genotipi potenzialmente resistenti alla Xylella Fastidiosa che vengono condotti in una sezione dedicata all’interno dell’oliveto della Villa.

Il progetto sensoriale più importante del 2022, che ancora oggi prosegue, è il Progetto Zhaw – avviato in collaborazione con la University of Applied Sciences – Institute for Food and Beverage Innovation ZHAW (Zurigo), focalizzato su una specifica caratteristica dell’olio extra vergine di oliva: l’armonia, ossia il grado di equilibrio fra l’intensità delle diverse note positive presenti in un olio. Il progetto ha già condotto alla creazione di un blend specifico e sono in corso continue attività di ricerca che prestano attenzione all’armonia di tutti gli oli EVO di Salov.

Verso un Piano avanzato di Sostenibilità

Coerente con la filosofia aziendale di miglioramento continuo, nel corso del 2022 Salov ha effettuato un’attività di assessment, svolta in collaborazione con un ente esterno indipendente, allo scopo di valutare e misurare il proprio presidio sulle tematiche di sostenibilità.

L’attività ha gettato le basi per la definizione di un Piano di Sostenibilità che guiderà lo sviluppo e la crescita di Salov nei prossimi anni. I cardini nella stesura del Piano sono stati individuati in 4 pilastri di Sostenibilità che sono: il controllo della catena di fornitura; la qualità, ricerca e innovazione; lo sviluppo del capitale umano e la comunicazione responsabile.

“Abbiamo a cuore molti degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile 2030. Sicuramente quelli legati alla sicurezza alimentare, alla crescita economica sostenibile, all’innovazione industriale equa e responsabile e, in generale, ai modelli sostenibili di produzione e consumo sono quelli che ci coinvolgono e caratterizzano maggiormente perché inerenti alla nostra attività” – ha dichiarato Fabio Maccari, Amministratore Delegato di SALOV SpA. “In azienda crediamo fermamente nella necessità di un miglioramento continuo e da ciò consegue che ci sia ancora molta strada da fare. Veniamo da oltre 150 anni di storia con il marchio Filippo Berio ed è nostra intenzione farne, come minimo, altrettanti.”

La SALOV SpA nasce nel 1919 dalla volontà di Giovanni Silvestrini, storico socio in affari di Filippo Berio fondatore dell’omonimo marchio, e di un gruppo di imprenditori lucchesi. Rapidamente l’azienda diventa un punto di riferimento della Lucchesia nel mondo. Salov ha sede a Massarosa, in provincia di Lucca, ed è tra le più grandi Aziende del settore oleario con un fatturato netto consolidato nel 2022 di circa 491 milioni di euro e 120 milioni di litri venduti. Dal 2015 fa parte del Gruppo Internazionale Bright Food.
Il Gruppo Salov è presente da sempre sul mercato italiano con lo storico marchio Sagra e ha lanciato a fine 2019, per la prima volta in Italia, il marchio Filippo Berio, brand con oltre 150 anni di storia presente in tutto il mondo e in posizione di leadership in USA, UK e Russia, oltre che in Belgio, Svizzera e Hong Kong.    
In Italia, Filippo Berio è presente con una gamma dedicata, capace di rispondere a un consumatore sempre più esigente in termini di qualità e soprattutto di tracciabilità e sostenibilità. Grazie al Metodo Berio, infatti, ogni fase del processo produttivo è tracciata e certificata a partire dal campo e dall’applicazione delle tecniche sostenibili della produzione integrata.

Scarica il comunicato

Articoli correlati

10 Luglio 2023  - Corporate

Gruppo Salov a fianco del 69° Festival Puccini

Milano, 10 luglio 2023 - Gruppo Salov, realtà industriale tra i principali player mondiali del settore oleario cui fanno capo i marchi Filippo Berio e Sagra, anche quest’anno è sostenitore del 69°...
Torna all'archivio
Scorri verso l'alto

Top

Passa in modalità portrait per una migliore esperienza

Passa in modalità portrait
per una migliore esperienza